mercoledì 23 ottobre 2013

I conti del PD di Asti: operazione trasparenza

Abbiamo deciso di rendere pubblici e trasparenti gli introiti e le spese del PD provinciale per dare un segnale tangibile della nostra volontà di cambiamento e per mostrare a tutti come la polemica sul finanziamento pubblico dei partiti può essere utilizzata strumentalmente.
Tornando un po’ indietro nel tempo, abbiamo messo a disposizione i conti relativi all’organizzazione del primo e secondo turno di primarie del 2012, poiché lo riteniamo un atto di rispetto nei confronti dei nostri elettori.

Il bilancio consuntivo del 2011 offre invece una chiara panoramica sui reali problemi di gestione di una federazione provinciale.
Non vorrei commentare impropriamente un bilancio che non ha visto me direttamente implicata, tuttavia tengo certamente a mettere in evidenza alcune tendenze prevedibili e alcuni cambiamenti introdotti a partire da ottobre 2012, quando sono stata eletta Segretario provinciale e ho cominciato il percorso con la mia segreteria.

Sul versante delle entrate, il tesseramento ha progressivamente perso incisività e, nonostante una ripresa che ha caratterizzato gli ultimi due anni, difficilmente raggiungerà i livelli del 2008. I contributi provenienti dal PD regionale hanno già subito un deciso ridimensionamento e subiranno un’ulteriore diminuzione per il prossimo anno. La contribuzione da parte dei nostri eletti e designati all’interno di istituzioni pubbliche merita un discorso a parte: con il supporto del nostro Tesoriere, come segreteria provinciale abbiamo avviato e concluso una verifica della situazione contributiva, che ci ha portato a rilevare alcuni casi di inadempienza “cronica”.


Convinti che il rispetto per il partito e -soprattutto- per gli elettori passi anche dall’adempimento dei doveri contributivi, stiamo affrontando questo problema che affligge pesantemente le casse del PD secondo le procedure stabilite dal nostro Statuto e dal nostro Codice Etico. In ogni caso, la voce “contribuzioni liberali” subirà anch’essa una contrazione, per effetto della diminuzione delle retribuzioni di consiglieri regionali e parlamentari.
Per far fronte a un bilancio disastrato e alla previsione di una così forte diminuzione delle entrate, abbiamo preso provvedimenti che hanno prodotto risultati immediati:

- riduzione delle spese per il personale: il tempo pieno è stato sostituito dal part-time, che ci consente di garantire l’apertura della sede di Asti senza dover licenziare nessuno dei nostri collaboratori;

- rimborsi per viaggi e trasferte: nonostante la cifra non sia mai stata eccessiva, sarà ridotta drasticamente per il fatto che come Segretario provinciale non ho mai chiesto rimborsi per le mie trasferte e le mie spese telefoniche; i rimborsi restano validi per i nostri rappresentanti in assemblea nazionale;

- la nostra tradizionale Festa Democratica nelle edizioni del 2012 e del 2013 ha cessato di essere un costo: un’organizzazione oculata e attenta ci ha consentito non solo di rientrare nelle spese sostenute, ma di realizzare un piccolo guadagno.

Tutto ciò è stato possibile con un serrato lavoro di squadra, che ha portato a risultati immediatamente tangibili e, tuttavia, con molta probabilità ancora insufficienti a garantire la sopravvivenza della “struttura organizzativa – partito” così come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi. A tale proposito, ritengo che il dibattito sull’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti sia avvelenato non solo dal clima di sfiducia nei confronti della politica, ma da finalità poco chiare. Il partito, pur riconoscendo i margini di miglioramento della forma organizzativa, deve continuare ad essere un luogo dove tutti e ciascuno, ricchi e non, abbiano la garanzia di poter esprimere e sostenere opinioni. La soppressione del finanziamento pubblico ai partiti può essere efficace solo se mossa da un cambiamento culturale importante (mentre non può, a mio modo di vedere, indurre il cambiamento), che nel nostro Paese stento a intravedere.

Francesca Ferraris
Segretario provinciale Pd Asti

0 commenti:

Posta un commento

Rispettiamo la libertà di opinione, e siamo aperti a critiche e obiezioni. I commenti che contengono insulti, volgarità e pubblicità verranno cancellati.

Ricorda di selezionare un profilo prima di scrivere il tuo commento!