martedì 19 giugno 2018

OSSERVATORIO GIUGNO 2018



L’OSSERVATORIO.


Il Governo del cambiamento: sì, ma della Carta Costituzionale.

Il prof. Conte, come si è visto, è persona anche simpatica e spiritosa; del resto trattasi di un docente universitario, abituato quindi ad ascoltare gli studenti; tra l‘altro è giovane, ha tutto insomma per poter avere (all’inizio) un certo gradimento. Accanto a questi aspetti rimane però un senso di indeterminatezza, perché non si comprende ancora quale sia il suo livello di autonomia dagli “sponsor” Di Maio e Salvini che lo han scelto per portare avanti quanto scritto nel famoso “contratto”. Le sue iniziali dimissioni dopo la prima nomina, per il fermo rifiuto del Capo dello Stato sul nome del prof. Savona all’Economia, sono state il segnale di una mancanza di autorevolezza, che solo in parte può essere giustificata dalla inesperienza politica. In quanto “uomo di Legge” non poteva non sapere che la Costituzione assegna al Presidente della Repubblica il compito di scegliere, in accordo col Premier stesso, i ministri; per qual motivo allora non è riuscito a depennare il nome di Savona da quell’elenco? Non aveva forse tutti i crismi per poter spiegare a Salvini (e Di Maio) che quell’impuntatura rischiava di far morire il Governo ancor prima di nascere? Perché non aveva (è proprio il caso di dirlo) un “piano B”? Dato comunque che il Governo è poi nato senza Savona all’Economia vuol dire che la cosa era fattibile sin da subito; solo, e questo è il punto, si è voluto dare il segnale che è il capo della Lega a dare le carte, più del sorridente Di Maio, e che se l’Esecutivo ha preso il via lo si deve alla “malleabilità” finale di Salvini, non certo alle capacità di mediazione di Conte. Inoltre se è comprensibile che nel discorso programmatico di un Primo Ministro non si entri mai in modo dettagliato nell’analisi dei costi e delle coperture di leggi e riforme, è altrettanto vero che, specie alla Camera, di fronte a precise domande dell’opposizione, è rimasto sulle generali, rimandando alla lettura del suddetto contratto. Sarà questa eventuale capacità di sganciarsi dai 2 vice-presidenti il metro col quale verrà misurata la sua azione di Premier; lo si sta vedendo proprio in questi giorni con lo strabordare di Salvini, a proposito dei migranti sulla nave Acquarius, il quale ha imposto la chiusura dei porti (ma non spettava a lui bensì al ministro delle Infrastrutture o al Primo Ministro stesso) ed ha interloquito direttamente col governo maltese, nemmeno fosse il ministro degli Esteri! Dov’era il nostro Presidente del Consiglio? In tal modo egli rischia di essere solo la faccia presentabile, “culturalmente” spendibile, dei sottoscrittori del contratto, rispetto ai quali avrà la sua credibilità di docente universitario, oltre ad uno stile personale che pare sobrio, misurato, lontano dai toni roboanti del leader leghista e dalle affermazioni “uso social” di Di Maio, pur se pronunciate con l’ineffabile ed immancabile sorriso televisivo. Ora è tornato dal G-7: vedremo con quali risultati e con quale credibilità per il Governo e per il Paese. Intanto Salvini e il capo dei Pentastellati proseguono la loro campagna elettorale, a caccia di voti dunque, al punto da aver disertato lo scambio di consegne con i ministri predecessori (chiedere notizie a Calenda); d’altro canto giugno è mese di amministrative e sulla scia del Governo appena nato, accompagnato dalla falsa retorica del cambiamento, mirano ad incrementare il loro fresco bottino elettorale (finora favorevole solo alla Lega)…In questa logica rientra l’incontro avuto da Di Maio con la Confcommercio, con notevole successo a quanto pare; perché quando fai un discorso sul fisco facendo capire che la categoria non verrà presa di mira più di altre e dici di togliere studi di settore, spesometro e quant’altro, misure già peraltro in “disuso” da tempo, è normale entrare in immediata sintonia. Resterebbe da capire cosa avrebbe detto Di Maio se, prima dei Commercianti, avesse incontrato rappresentanti del Pubblico Impiego, comunque una vasta platea di lavoratori dipendenti, sottolineandone il carico fiscale che grava su di loro in quanto a reddito fisso, promettendo magari una più equa redistribuzione delle tasse, colpendo gli evasori che si annidano tra gli autonomi!! Probabilmente (alla Confcommercio) l’avrebbero preso a pernacchie, come si dice dalle sue parti, a Pomigliano d’Arco. Ma tant’è, Giggino ci ha abituati (che sia questo il cambiamento?) ad ogni giravolta, sempre con l’ossessione di piacere a tutti, al fine di lucrarne elettoralmente il beneficio, sempre con l’immancabile sorriso televisivo. Bisognerebbe ricordargli, come già qualche grillino sta facendo dimettendosi da consigliere comunale (a Bologna) per queste ragioni, che Salvini e la Lega non sono candide verginelle politiche; da 20 anni hanno partecipato attivamente a Governi guidati da Berlusconi e oltre ad aver avuto anche una loro banca (Credieuronord), subito fallita (ricordate Fiorani?), han fatto parte della maggioranza “bulgara” (100 deputati in più rispetto all’opposizione) che ha portato l’Italia sull’orlo della bancarotta nel 2011, motivo per cui, dopo che il Parlamento stesso lo aveva sfiduciato, Berlusconi cadde ed arrivò Monti.. Dove sarebbe il cambiamento di cui parla il Movimento, alleandosi con loro? Ma è sulla politica estera che il Governo rischia di giocare una partita pericolosa; c’è un dato ancor poco sottolineato, ma non smentito almeno finora, che cioè la nostra Ministra della Difesa Trenta insegni presso una Università russa. Ora, è assai probabile che per ottenere ivi una cattedra universitaria si debba godere della stima e della fiducia dei vertici di quello Stato; vien da sé che se una Ministra che si occupi di un delicatissimo Dicastero quale la Difesa ha un legame professionale e politico con la Russia questo crei un “vulnus” di non poco conto, il che spiega bene l’apprensione nella NATO. A queste domande il primo ministro Conte deve dare risposte, senza “chiedere permesso a Di Maio e a Casalino”, evitando frasi come quelle pronunciate al G-7 (riportate da importanti quotidiani) davanti ai suoi meravigliati interlocutori: “Scusate, ma io devo parlare solo di ciò che è scritto nel contratto…”! Esiste infine, con il varo di questo Governo, una serissima questione di tipo costituzionale, come già sottolineato nell’Osservatorio precedente; si sta tentando infatti uno strisciante cambio della nostra Carta, soprattutto per ciò attiene alla forma della democrazia (ed alla collocazione internazionale del nostro Paese), in cui il Parlamento avrebbe solo una funzione notarile, non più quindi luogo di dibattito, ma “passacarte” dell’Esecutivo. Oltre alle nomine dei parlamentari fatte direttamente dalle segreterie dei partiti (o, nel caso dei “5 Stelle”, della ristretta cerchia di quelli che contano…gli altri sono anonimi..) si vuole soprattutto la cancellazione della loro libertà “senza vincolo di mandato”, come pure scritto in Costituzione; i parlamentari in sostanza devono essere tutti irregimentati, non fare domande, schiacciare solo i bottoni in Aula secondo l’indicazione dei capi e capetti interni e non rilasciare interviste. Per la verità già ai tempi del Centrodestra c’è stato un andazzo del genere, quando si parlava di “Governi (quindi di leader) eletti dal popolo” in contrapposizione agli altri Poteri dello Stato “non eletti”, quasi a stabilire una nuova gerarchia, e con Il Porcellum, creato non solo per non far vincere il Centrosinistra nel 2006, ma per il controllo che il capo di partito poteva finalmente esercitare sui “suoi”, messi lì (in Parlamento) da lui stesso; oggi la cosa si sta ripetendo, magari in modo più soft, ma non meno pericolosamente. Non sono stati casuali gli attacchi sconsiderati, non solo sui social, al Presidente della Repubblica per il suo “no” al prof. Savona; si vuole infatti da un lato, attraverso la personalizzazione della politica (leaderismo), la delegittimazione del Capo dello Stato, relegandolo ad un ruolo di pura rappresentanza, dall’altro veder garantita l’obbedienza cieca dei propri parlamentari, senza se e senza ma. In altri termini, se per portare avanti un determinato progetto, ad esempio l’uscita dall’Euro o il cambio di collocazione internazionale dell’Italia, la possibile interdizione al riguardo del Presidente della Repubblica può essere ostacolo decisivo, si vuole neutralizzare questo “potere”, contrapponendolo artatamente alla “volontà popolare” che ha eletto un Governo (!!). In definitiva, chi vince le elezioni non deve avere bilanciamenti di sorta né opposizione interna: questo l’obiettivo “di nuovo assetto costituzionale” cui aspirano Salvini e Di Maio! E’ facile immaginare quanto questa retorica, questa distorsione dei ruoli costituzionali possa prender piede in un quadro politico-elettorale così frammentato, incattivito e sostanzialmente “digiuno” di Costituzione (nonostante il tour “coast to coast” di Di Battista prima del 4 dicembre 2016!!!), al punto che non ci dovremmo meravigliare se qualcuno inizi a parlare di Repubblica Presidenziale (se non di “democratura”, magari attraverso un referendum, indetto con l’attuale Governo!). Per non dire in ultimo del progetto della democrazia diretta, portato avanti non da ora dalla Casaleggio Associati (per cui son nati i “5 Stelle”), legata quindi allo sviluppo della piattaforma Rousseau che nel caso di una eventuale fase politica negativa per il Movimento non potrà che subirne contraccolpi, anche e soprattutto sul piano economico; in altri termini, qualora nella prossima legislatura i Pentastellati si trovassero all’opposizione, con il rischio di un loro disfacimento, anche l’azienda Casaleggio subirebbe una botta non indifferente, perché in questa loro ottica è solo il “potere” che può garantire sopravvivenza ed introiti! Tutto ciò allora dovrebbe ri-porre al centro del dibattito la questione delle norme sui partiti (anch’esse in Costituzione), visto il palese conflitto d’interessi in gioco! Ecco perchè ci vorrebbe una vera mobilitazione, una costante attenzione verso le forti contraddizioni dell’attuale maggioranza; ma con un’opposizione al momento solo “numerica”, priva ancora com’è di un progetto alternativo, cosa si può sperare?

La tornata amministrativa.

Prendiamo atto, dall’esame del primo turno di domenica 11/6, che il Pd non è morto e che potrebbe ancora vincere diversi ballottaggi, oltre le vittorie di Brescia e Trapani già conquistate. Certo, il partito arranca pericolosamente in zone dove fino a pochi anni fa si vinceva al I° turno con percentuali tra il 55-60% (in Toscana ad esempio); che diremmo se si perdesse a Siena, a Pisa, a Massa? Il fatto che il Movimento “5 Stelle”, almeno per ora, non sembra aver trovato giovamento dall’essere al Governo, a differenza della Lega, ormai chiaramente prima forza del Centrodestra, non vuol dire che automaticamente quei voti torneranno al Pd. C’è bisogno di una proposta nuova e forte, con una nuova Segreteria che sappia dare un segno di discontinuità vero (che non significa condannare nessuno, ma prendere atto che una stagione è finita) e recuperare tutto quel mondo politico-sociale di riferimento che costituisce un patrimonio di attese, di speranze, voglia di cambiamento di prassi politica. Vincere i ballottaggi sarà importante comunque, ma è la prospettiva del partito che và ridefinita al più presto…Per non morire davvero!...

Gianni Amendola

0 commenti:

Posta un commento

Rispettiamo la libertà di opinione, e siamo aperti a critiche e obiezioni. I commenti che contengono insulti, volgarità e pubblicità verranno cancellati.

Ricorda di selezionare un profilo prima di scrivere il tuo commento!